Verticillosi

Verticillium dahliae Kleb.

La verticilliosi è provocata da un fungo presente nel terreno che può attaccare anche alcune piante erbacee come le Solanacee in genere (pomodoro, melanzana ecc.) e la fragola. L’ agente patogeno, che si diffonde nei tessuti della pianta a partire dalle radici, distrugge con le sue tossine le pareti dei vasi linfatici, portando al completo disseccamento di intere branche a partire dalle porzioni medio alte della chioma come anche di intere giovani piante.

La Verticilliosi si rende particolarmente pericolosa nei giovani impianti di olivo, dove può avere una facile diffusione e creare seri problemi, difficilmente risolvibili. Attualmente non sono stati segnalati interventi di lotta chimica o biologica capaci di contrastare efficacemente questa malattia.

Dove si è manifestata la Verticilliosi, una buona strategia preventiva, risulta essere quella di utilizzare, per la realizzazione dei nuovi impianti, le cultivar di olivo che sono state riconosciute più tolleranti.

Mentre, una volta che si riscontrano sulle piante i primi sintomi della malattia, occorre asportare e bruciare i rami disseccati e disinfettare i tagli coprendoli con una colla vinilica in miscela con il Benomil all’1%.